Post – mortali

«Gilgamesh, quello che cerchi non lo troverai  mai: quando gli dei crearono gli uomini diedero loro la morte e tennero per sé la vita».
Così si rivolgeva Siduri al mitico re di Uruk che andava in cerca dell’eterna giovinezza. L’intrigante locandiera di quattromila anni fa, esperta di umanità, tentava in tutti i modi di disilluderlo. Ma i tempi son cambiati e forse, oggi, non gli direbbe più le stesse cose! La chirurgia, la tecnologia, la genetica, il benessere, la robotica, lo stile di vita, hanno aperto delle insperate vie a una giovinezza che, se non ancora eterna, si presenta estremamente più lunga e destinata a durare oltre i limiti delle naturali stagioni della carne. Armando Matteo parla dell’attuale come dell’epoca dei post-mortali, di quelli, cioè, che non soggiacciono più all’odioso confine del tempo. Che ne sarà della Resurrezione? si chiede. Guardando il Cristo Risorto di Rubens verrebbe quasi da rispondere che quelle membra così virili e fresche siano un esempio di perfetta giovinezza, oltre la sbarra della morte. Verrebbe quasi l’impudente sospetto che proprio il corpo del Risorto abbia ispirato la ricerca odierna. Il Risorto, però, dentro a un corpo resuscitato, presenta un’altra umanità: quella che è trasformata nell’Amore. E questo è proprio un’altra cosa.

http://www.avvenire.it/rubriche/Pagine/Aurora/POST-MORTALI_20160616.aspx?Rubrica=aurora

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...