Tutti hanno lo stesso cuore

«Qualunque cosa dica Amore rispettala:/ regna e ha diritto sui tutti gli dèi».
Ovidio è uno dei grandi autori della Roma di Augusto, dove la concezione del divino è profondamente diversa da quella del cristianesimo che si sta affermando. Amore, il dio dei greci e poi il suo discendente romano, è un essere imprevedibile e anche capriccioso che segna il destino degli umani, nell’esclusiva sfera terrena. Il grande poeta può alludere, qui, a quella divinità dalla saetta fatale. Ma lo stesso Ovidio ha scritto, nelle Metamorfosi, la storia di Orfeo che scende agli inferi per riportare in vita l’amatissima moglie Euridice, o quella di Alcione che, facendo rinascere il marito, si tramuta, sopravvivendo in forma di bianco uccello marino: fiabe in cui l’amore manifesta una tensione e una prospettiva ultraterrena. Certo, l’Amore a cui si riferisce il poeta latino non è quello di Dante, «che move il sole e l’altre stelle». Ma è sempre Amore, e in questo uomini e culture differenti trovano un punto d’incontro: dal poeta latino che sogna la metamorfosi, la trasformazione che nega il buio finale, al mistico sufi che canta un’energia divina misericordiosa oltre ogni limite, a Dante Alighieri. Ha ragione, con la concisione lapidaria della sua lingua, il saggio Ovidio: «Qualunque cosa dica Amore, rispettala».
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...