L’ospedale dove si curano soldati e bimbi della Striscia (di Fiamma Nirenstein)

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

(Ndr: So che questo blog sta diventando monotematico, ma in questo momento è così. Vi riporto questo articolo di Fiamma perché è un pezzo che ci porta un po’ là, non in un luogo di guerra, ma di cura, di convivenza e di speranza, dove la guerra si cerca di contrastarla)

(Tel Hashomer) Più che un ospedale è un microcosmo di Israele in guerra l’ospedale di Tel Hashomer, ultra-tecnologico, 2000 pazienti in una città di padiglioni. Mentre i volti sorridenti dei soldati uccisi in azione ti inseguono dai giornali e si avvilisce ogni speranza, Tel Hashomer ce la mette tutta. Girando per le sue stanze si penetra il punto interrogativo immenso del perchè in cambio di Gilad Shalit furono consegnati 1500 terroristi palestinesi. In Israele la vita non ha prezzo. Qui arrivano i soldati feriti direttamente dal campo: ne vediamo subito uno semisvenuto, un ventenne pallido, bruno, in barella subito…

View original post 721 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...