Imparare a giudicare

Spesso capita di vivere l’esame di maturità un po’ “alla giovane Holden”. Come J. D. Salinger fa dire al protagonista del suo famoso romanzo: «Ti succede mai di averne fin sopra i capelli? Voglio dire, ti succede mai d’aver paura che tutto vada a finire in modo schifo se non fai qualcosa? Voglio dire, ti piace la scuola e tutte quelle buffonate?». Un’escalation di tre ipotesi che calata in clima di fine liceo è poco augurabile: la sensazione di non poterne più, specialmente di tutto quello che la fine di un ciclo si porta dietro; dell’ansia da prestazione, come se le tre, più o meno sudatissime prove con un orale dulcis in fundo, determinassero cinque, altrettanto e forse di più, sudatissimi anni sulle spalle. «Ti piace la scuola e tutte quelle buffonate?».

Esiste chi vive diversamente la preparazione alla maturità? Che non consiste appena nella Notte prima degli esami, ma in come ci si arriva nell’arco di molto più tempo. Come una specie di preparazione «per essere più critici»? Il Centro di aiuto allo studio Portofranco di Milano sembra, con un invito libero e aperto a tutti, intenzionato a scommetterci. Si vede dalla proposta: un ciclo di incontri, ormai alla sua V edizione, dal titolo Pomeriggi maturandi 2014. «L’idea nasce dall’esigenza diprovocare i ragazzi durante l’ultimo anno di liceo a un giudizio sintetico sul loro studio. Per essere più critici», spiega Alberto Bonfanti, professore alle superiori e presidente di Portofranco. Un’occasione di approfondimento, strutturata in una lezione frontale di tre quarti d’ora e una mezzora al seguito per dar spazio alle domande degli studenti.

Il programma è ricco e prevede sei appuntamenti su temi inerenti al XX secolo: dall’incontro d’apertura, il 23 gennaio, con Massimo Borghesi, ordinario di Filosofia morale all’Università di Perugia, Il pensiero del Novecento: dall’apologia della volontà di potenza alla sua critica, all’ultimo del 5 maggio con Enzo Gibellato, docente di religione in un Istituto Professionale di Carate Brianza, su Il volto nella pittura del Novecento. In mezzo si spazia dal bosone di Higgs, «argomento più attuale che mai, visto il dibattito», puntualizza Bonfanti, a Dante, come “più famoso poeta del Novecento”, fino alle trincee della Grande Guerra, di cui ricorre il centenario quest’anno. Gli incontri inizieranno tutti alle 17 presso l’Auditorium di Portofranco in viale Papiniano, 58, Milano. Saranno filmati con la possibilità, quindi, di vederne la registrazione in differita sul sito del Centro Culturale di Milano circa due settimane dopo la data prevista dell’incontro. Insomma, un’occasione per vivere già più maturi la maturità.
http://www.tracce.it/default.asp?id=345&id_n=38892

Annunci

2 thoughts on “Imparare a giudicare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...