www.diocesiverona.it

Il Risorto appare alla Vergine (1629)
del Guercino (Giovan Battista Barbieri, 1591-1666)

Il Risorto appare alla Madre

L’annuncio della risurrezione dato alla Madonna direttamente da Gesù non si trova nelle Scritture, ma si basa su una considerazione di amore filiale, come riporta la Legenda aurea.

L’episodio è raffigurato da diversi pittori, dal Quattrocento in poi, che non raramente inseriscono in questa scena riferimenti alla discesa al Limbo o al riscatto di personaggi biblici dall’inferno.

Guercino sceglie di concentrare l’azione soltanto sui due protagonisti, con esiti di appassionata intensità, presentando l’intima, profonda emozione del loro incontro.

La scena è ambientata in una stanza chiusa, dove Maria si era ritirata a pregare, in solitudine.

Sulla destra si nota sul tavolo un libro, probabilmente un riferimento ai Vangeli. Veduto il figlio, Maria si mette in ginocchio, cercando nel contempo di toccare e abbracciare il suo.

Il Risorto appare in carne e ossa. Ha il corpo avvolto dalla vita in giù da un vaporoso drappo grigio. Il torace scoperto permette di vedere la ferita del costato.

Cristo impugna nella mano destra l’assai movimentato vessillo della risurrezione, che simboleggia l’avvenuta vittoria sul mondo delle tenebre.

Don Maurizio Viviani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...