Fondazione Jérôme Lejeune scrive: «L’embrione umano è un essere umano. Questa è una constatazione scientifica, non un’opinione o una convinzione come quelle espresse alla Commissione dove si è detto che l’embrione è un ammasso di cellule. Il fine non giustifica i mezzi e sopprimere un essere umano pretendendo così di salvarne un altro è un metodo curioso».

IGNORARE IL PREMIO NOBEL. L’approvazione di questa legge è tanto più assurda quando si pensa che «i politici fanno l’errore strategico di condurre la Francia sulla strada di una ricerca sorpassata e inutile». Pochi mesi fa, infatti, è stato conferito il premio Nobel 2012 per la medicina al giapponese Shinya Yamanaka, che ha scoperto come riprogrammare le cellule adulte e farle “ringiovanire” fino allo status di bambine. Non è più necessario, dunque, distruggere vite umane per ottenere cellule staminali embrionali su cui sperimentare perché si possono usare quelle adulte “ringiovanite”, rese nuovamente pluripotenti. Perché dunque approvare la ricerca sugli embrioni proprio quando la scienza fornisce nuove tecniche per ottenere gli stessi risultati ma senza uccidere gli embrioni? Per la fondazione Lejeune si tratta di «ideologia». Ideologia che il 28 marzo potrebbe diventare legge.
Leggi di Più: Embrioni: la Francia dice sì alla ricerca | Tempi.it
Follow us: @Tempi_it on Twitter | tempi.it on Facebook

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...