Prima di tutto il mio bisogno

E invece, appunto, abbiamo bisogno di capire. Ne ho bisogno io. E se questo io ha la grazia di appartenere a una comunità cristiana in cui la fede non è una rassegna di idee, ma un’esperienza pertinente alle esigenze della vita, il bisogno di capire porta a una domanda: ma la fede mi aiuta anche in questo? Può educarmi a maturare pure un giudizio politico? E come?

Ecco, la domanda che ci interessa è questa. E ci interessa prima e dentro il percorso che porterà ognuno di noi a decidere chi votare. Prima, perché dice di quanto vale l’esperienza cristiana, appunto: se non mi è di aiuto in questo ambito, vuol dire che non regge davanti ai turbini della realtà. E dentro, perché non è una domanda astratta: l’aiuto deve entrare nel merito. Deve essere qualcosa che mi aiuta a capire questa circostanza. Senza pensare di poter dedurre in automatico dai contenuti della fede programmi politici, come conseguenze da premesse teoriche (anzi, diffidiamo della politica che pensa di identificarsi con la verità assoluta). Ma sollecitandomi ad usare appieno la ragione davanti alla complessità dei problemi. A mantenermi attaccato ai criteri più adeguati per giudicare. Fino a rischiare il mio voto. Sapendo che scelte diverse sono legittime, perché possono esserci tentativi di soluzione differenti davanti a problemi specifici; ma anche che, proprio per quei criteri, non tutte le scelte sono uguali.

È un lavoro concreto. Concretissimo. Perché la verifica che «l’intelligenza della fede» può diventare «intelligenza della realtà» la si compirà strada facendo. Accorgendoci di come l’esperienza cristiana ci aiuta a capire il lavoro e la crisi, la sussidiarietà e la famiglia, l’Europa e l’educazione, i «valori non negoziabili» e quelli, appunto, opinabili. Ed è un lavoro che sarà fatto di informazioni, di confronto, di domande. Passi che toccano ad ognuno. In cui potremo accompagnarci l’un l’altro, ma non delegando il proprio bisogno a nessuno.

Il numero di Tracce che avete tra le mani è un tentativo di aiuto a questo lavoro. Nel Primo piano, dedicato ad approfondire la Notasulle elezioni appena diffusa da Cl. Ma anche nelle testimonianze, nelle interviste (si vedano quelle sul “matrimonio omosessuale” in Francia o sul non profit), nelle anticipazioni culturali (come il libro di Fabrice Hadjadj). Con un nota bene: l’orizzonte non è il 24 febbraio. Se la fede ci aiuta anche in questo ambito, lo scopriremo non solo se arriveremo lì con le idee più chiare, ma per quello che guadagneremo in ogni passo. Prima e dopo il voto.

Continua a leggere :Tracce.it, La vera  scelta

2 thoughts on “Prima di tutto il mio bisogno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...